A tonni con gli amici

16 Apr 2020
Rate this item
(1 Vote)

L'anno scorso io Andrea e Domenico (non serve che vi presenti il mitico Domenico Magliano dai!) siamo andati a fare un viaggetto verso Ancona per uscire a tonni. Per me voleva dire riprendere in mano l'attrezzatura da tonni dopo un paio d'anni di inutilizzo, per Andrea era la prima volta e beh, Domenico probabilmente voleva divertirsi a vederci schiattare. Comunque sia per me barca nuova, comandante nuovo, modo di pescare nuovo (là usavano molto le gomme ed ho voluto fare come diceva il capitano per imparare qualcosa di nuovo dopo anni di sole stickbait) sono stati un connubio non così perfetto... ci ho messo parecchio prima di entrare bene in pesca, sono riuscito a far saltare un occhiello della mia canna in lancio e tre tonni mi hanno mangiato la gomma senza allamarsi... I tonni in realtà non si comportavano in modo così diverso rispetto all'alto adriatico: comparivano in mangianze non molto grandi e la maggior parte delle volte si affossavano prima di arrivare a distanza di lancio. Diverso era l'approccio del capitano che li affrontava con più calma, a volte usando anche un motore più piccolo per spaventarli meno con le vibrazioni. L'approccio avveniva sempre di punta, per cui il primo che lanciava aveva il miglior spazio di lancio, il secondo riusciva a lanciare  discretamente bene, il terzo faceva fatica. La cosa che più mi ha creato difficoltà è stato cercare di farli mangiare a gomma. Perché ci diano su una gomma in una mangianza (che non è assolutamente sinonimo di cattura semplice) serve che la gomma nuoti bene e non faccia torsioni. Una gomma montata male, un recupero sbagliato, una testina che ha fatto troppi pesci e magari ha preso pieghe che possano rendere difficile il recupero corretto sono cose da non sottovalutare, in particolare quando hai a disposizioni pochi lanci, giusto una manciata a volte, in tutta la giornata. Io pescando solitamente a stickbait, con i quali ho  molta più confidenza, mi sono trovato male a pescare con qualcosa di nuovo, ma mi servirà come lezione. Dopotutto c'è sempre da imparare.

Domenico invece ha più esperienza e ovviamente ha preso il primo tonno, senza problemi e con piena "tranquillità" ha allamato e portato sotto barca il primo trattorino. Il secondo pesce invece è spettato ad Andrea, il suo primo tonno. Anche questo è arrivato a boga, beh, non posso dire tranquillo e pacifico perché era veramente energico, però Andrea ce l'ha comunque fatta!

Tutto è andato per il meglio e le Tobizo si sono rivelate un validissimo aiuto per i miei amici. Un po' come Domenico sono canne che non hanno bisogno di una presentazione perché sono attrezzi formidabili che permettono di gestire al meglio i vari pesci per cui sono state progettate. Anche questa volta Zenaq è stata una garanzia e pescare con gli amici come sempre si è rivelato uno spasso.

30-1

30-2

Top