inverno e hardbaits

14 Feb 2019
Vota questo articolo
(4 Voti)

Ciao Amici,

Nel periodo invernale, quando il bass limita la sua attività al minimo, ci sono tecniche di pesca che spesso sono messe da parte perchè non considerate redditizie. Si da quindi spazio a jig, finesse vari, drop shot, usando quindi tecniche molto lente con misure spesso piu contenute. E le hard baits? l'uso corretto ma sopratutto la velocità nel recupero potranno regalarci delle soddisfazioni.

Un'esca di reazione nasce per stimolare un attacco violento del pesce se questa la si recupera nel modo convenzionale, questo è vero, ma certe esche non perdono la loro funzione se recuperate lentamente: parlo di spinnerbait, chatterbait, deep jerkbait, lipless, metal jig e non da ultimi i crank bait.

Andare più lenti ora significa stare di piu nella possibile strike zone.

Per chi pesca con l'aiuto di un ecoscandaglio, individuare i pesci o dove possono stazionare in inverno sicuramente aiuta di piu: ecco che se abbiamo localizzato dei pesci in un fondale ipotetico di 6 metri possiamo usare un lipless o un metal jig in vertical se peschiamo sopra lo spot, oppure uno spinner, un crank o un chatterbait recuperandoli lentamente sul fondo se stiamo pescando ad una certa distanza dallo spot. Basta non avere fretta: recupero lento, pause piu o meno lunghe e ripartenze. In questo periodo uso molto spesso le strisce di piombo adesive per rendere suspending o slow sinking i vari deep jerk o crank nel caso non lo fossero.

Conoscere su quanto fondale si pesca e usare l'esca che possa raggiungere la profondità desiderata aumenterà le probabilità di cattura.

Non preoccupatevi che se dopo un po' vi rompete le scatole e volete pescare a drop mi siete simpatici lo stesso :)

Ci vediamo in acqua!

Ale

0e4bc736-6505-4a33-bc4e-0b0d2a0b73fc

Top