MATTEO TARIZZO - NEW JACKALL I SHAD

29 Mar 2020
Vota questo articolo
(1 Vota)

Oggi, vi presento MATTEO TARIZZO, ragazzo giovanissimo del BassCrew ma che la sa lunga su tutto quello che riguarda i prodotti PLUS FISHING.
SCRITTO DA MATTEO TARIZZO.IMG 20200329 121059

Ringrazio anticipatamente Alessandro Lupi per avermi concesso l'occasione di poter scrivere su questo blog sperando di dare a qualcuno spunti o suggerimenti utili che potrà applicare una volta finito questo periodo molto difficile.

Vi è mai capitato durante le vostre battute di pesca di vedere scoppiare pesci in open water su qualche sfortunato pesciolino che è rimasto isolato dalla sua "school" di foraggio ma, anche dopo svariati tentativi e molteplici cambi di artificiale, non aver riscontrato interesse da parte del pesce? In questi casi vi voglio consigliare una softbait che uso moltissimo e che può fare al caso vostro: il NEW I Shad di casa Jackall.

Prima vorrei elencare le sue caratteristiche generali per poi parlare delle montature.
Shad a coda dritta con corpo schiacciato così da avere una sezione verticale ovaleggiante, aspetto apparentemente anonimo ma che nasconde un grande potenziale soprattutto per quanto la naturalezza delle presentazioni. Prodotto in due misure 2.8" e 3.8", viene migliorato rispetto alla precedente versione rispetto alla mescola con aggiunta un nuovo scent caratterizzato dalla presenza di una serie di specifici aminoacidi così da risultare ancora più adescante. Altra nuova caratteristica è la distribuzione del sale all'interno della softbait: presenta nella sezione superiore una percentuale inferiore di sale mentre nella porzione inferiore troviamo una percentuale maggiore. Questa composizione è stata studiata per rendere il nuoto dell'esca più stabile e impedire fastidiose rotazioni che ne rovinerebbero l'azione.

Passiamo ora alle montature.
Il NEW I Shad si presta praticamente a tutte le montature finesse infatti può essere usato weightless (sia tradizionale oppure con l'occhiello dell'amo rivolto verso la coda dell'esca), neko rig o con wacky head (ovviamente Zappu Inch Wacky). Si dimostra ottimo anche utilizzato come trailer per jig e microjig o con un classico ma intramontabile split shot, con jig head oppure montato a light texas per avere più mobilità. Impossibile non utilizzarlo a drop/down shot per via del suo movimento laterale che imita perfettamente un pesce foraggio e, infine, arriviamo alla montatura che utilizzo per la situazione descritta precedentemente: il weightless nose rig.

Questa montatura finesse è molto semplice poiché composta semplicemente da un amo, non offset, della tipologia utilizzata per pescare a down shot. Personalmente utilizzo la serie Air Dancer prodotta da Zappu, amo con uno spessore molto sottile ma con elevata resistenza che lo rende virtualmente invisibile in acqua ma allo stesso tempo è in grado di gestire anche pesci di taglia importante senza problemi. Legato il nostro amo basterà appuntarlo sul "naso" dell'I Shad e la montatura è ultimata. A questo punto, dopo aver effettuato lanci preferibilmente molto lunghi, basterà recuperare a velocità costante in modo da mantenere l'esca appena sotto la superficie dell'acqua e le micro vibrazioni del corpo e della coda faranno il resto stimolando il pesce ad attaccare. Per quanto riguarda il filo utilizzato io monto sul mulinello un fluoro 3 o 4 lb. ma è possibile utilizzare anche trecciati sottili per guadagnare nel lancio ma con aggiunta obbligatoria, soprattutto in spot con acqua molto limpida, un finale in fluoro abbastanza lungo.

Vi allego due foto di una cattura effettuata a Bolsena nella scorsa stagione proprio con questa montatura,
Un saluto tutti!

Top