EG Grip SL

24 Mar 2020
Rate this item
(1 Vote)

Un aggeggio che trovo fantastico, per quanto lo abbia disprezzato inizialmente un po' per moda ed un po' per ignoranza, è il Boga Grip.

È vero che per molti pesci non serve praticamente a niente (se vi serve solo per fare foto in stile nipponico magari usatelo con i pesci che decidete di portarvi a casa), però vi aiuterà ad avere una maggior sicurezza nel maneggiare alcune catture.

Piantarvi un dente di un barracuda o un'ancorina sulla mano non è per nulla piacevole e parlo, purtroppo, per esperienza (di entrambi!). Perciò un boga fatto bene è un valido aiuto.

Un attrezzo come l'EG Grip dell'Evergreen può fare al caso vostro: solido (duralluminio), affidabile e girevole. La sua  caratteristica fondamentale sta nel fatto che il manico non è fisso al telaio, ma gli consente di girare. Così quando il pesce si dimena e si rotola non correrete il rischio che spinga sulla chiusura del boga aprendo o storcendo i braccetti e rompendosi la bocca.

Anche quando si tira fuori dall'acqua un pesce pesante, scendendo tra scogli bagnati e coperti di alghe scivolose, può essere un valido aiuto permettendo una miglior presa sulla preda fin che gli amici vi aiutano a risalire. Potreste rovinargli un po' di più la bocca (anche se il telaio girevole viene in vostro aiuto assorbendo qualche strattone), ma così eviterete che un guizzo improvviso vi faccia perdere l'equilibrio e che il pesce vi cada tra gli scogli.

L'unico modo in cui potete far danni con il boga è appendendoci i pesci allungando il braccio in stile Mr. Fantastic senza dargli altri sostegni. Poco male se avete intenzione di mollare il pesce direttamente in forno, ma da evitare assolutamente qualora il vostro fine sia il Catch&Release.

Usate la testa, in ogni cosa: nel prelievo del pescato, nel periodo di pesca, nel maneggiare i pinnuti e soprattutto portate sempre rispetto per il mare.

Buona serata ragazzi.

23-1

23-2

23-3

Top